25 > 27 marzo
firenze

 

“Questa è la mia storia: ero un giocatore di Football consumato dal mio lavoro e in cerca della altrui approvazione. Sono arrivato ad un punto nella mia carriera dove il mio lavoro non andava troppo bene
ed era come se le persone non mi volessero al loro fianco. Questa sensazione mi portò ad una sorta di resa. In quei momenti difficili Dio mi ha mostrato che lui era già abbastanza e che era tutto ciò di cui necessitavo. Quando mi sono lasciato andare e mi sono messo nelle mani di Dio ho capito che l’unica
cosa che contava era l’opinione che Lui aveva di me, non quella delle altre persone.
Sono arrivato a capire altresì che la sicurezza che ricercavo nel mio lavoro in realtà la avevo già grazie a Gesù. Quando ho finalmente lasciato il controllo della mia vita affidandolo a Gesù ho iniziato a crescere non solo nella mia carriera ma come uomo, marito e padre.”